fbpx Skip to content

POSTURE IN PIEDI PROLUNGATE: QUALI RISCHI PER I LAVORATORI?

Desideri ulteriori informazioni e aggiornamenti?

In una recente news avevamo parlato della campagna promossa dall’EU OSHA (Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro) e recepita dal INL (Ispettorato Nazionale del Lavoro) “Ambienti di lavoro sani e sicuri” con lo scopo di sensibilizzare sui Disturbi Muscoloscheletrici (DMS) lavoro-correlati e sulla loro prevenzione.

Sempre in tema di prevenzione dei Disturbi Muscoloscheletrici (DMS) lavoro-correlati l’EU OSHA (Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro) ha ora diffuso il documento “ll mantenimento prolungato della postura in piedi statica al lavoro. Effetti sulla salute e buone pratiche”.

QUALI SONO I TEMI TRATTATI NEL DOCUMENTO DELL’EU OSHA?

Le criticità delle posizioni in piedi prolungate, i suggerimenti di buone pratiche per poter continuare a lavorare anche in presenza di patologie croniche dell’apparato muscoloscheletrico sono i temi della pubblicazione

“ll mantenimento prolungato della postura in piedi statica al lavoro. Effetti sulla salute e buone pratiche” che fa parte di una più ampia serie di documenti editi dall’Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro (EU-OSHA) nell’ambito della campagna “Ambienti di lavoro sani e sicuri”, che nel triennio 2020-2022 si incentra sui Disturbi Muscoloscheletrici (DMS).

COSA SI INTENDE PER POSTURA STATICA IN PIEDI AL LAVORO?

Lavorare in una posizione in piedi statica prolungata può rappresentare un problema quando non è possibile alternare la posizione in piedi con altre posture e quando la durata, su base giornaliera, è troppo lunga.

Con “posizione in piedi prolungata” si intende lo stare in piedi “per più di un’ora continuativa o stare in piedi per un totale di più di 4 ore complessive al giorno”.

E la posizione in piedi prolungata, forzata o staticacomporta altresì la permanenza in piedi sul posto (movimento limitato a un raggio di 20 cm) senza possibilità di interruzioni temporanee effettuate camminando o stando seduti”.

La pubblicazione descrive con questi termini cosa si intende per posizione in piedi statica prolungata in ambito lavorativo e quali siano i rischi e le corrette misure di prevenzione, in contrapposizione al lavoro che comporta la possibilità di muoversi.

Una posizione che costituisce “un problema significativo per alcuni gruppi di lavoratori” con effetti sulla salute che includono anche Disturbi Muscoloscheletrici (DMS).

QUALI POSSONO ESSERE I DISTURBI MUSCOLOSCHELETRICI (DMS) DA POSTURA IN PIEDI?

La prolungata permanenza in piedi è associata sia ai Disturbi Muscoloscheletrici (DMS) sia ad altri problemi di salute non legati ai DMS, che includono:

  • dolori e disturbi a gambe, ginocchia, caviglie e piedi
  • dolore lombare
  • pressione sanguigna elevata/flusso sanguigno ridotto
  • malattie cardiache
  • vene varicose
  • stanchezza
  • problemi in gravidanza

QUALI SONO I LAVORI A RISCHIO?

Vediamo sinteticamente alcune tra le attività lavorative in cui la permanenza prolungata in piedi può determinare rischi per la salute dei lavoratori:

  • personale di cucina e camerieri
  • saldatori e tagliatori
  • venditori al dettaglio
  • personale addetto all’accoglienza
  • elettricisti
  • farmacisti
  • insegnanti e assistenti all’infanzia
  • fisioterapisti
  • baristi
  • addetti alle catene di montaggio
  • operatori di macchine
  • personale addetto alla sicurezza
  • parrucchieri
  • tecnici di laboratorio
  • infermieri e operatori sanitari

QUALI SONO LE MISURE DI PREVENZIONE CHE SI POSSONO ADOTTARE?

La strategia di prevenzione dovrebbe comprendere i seguenti aspetti:

  • fornire una postazione di lavoro ergonomica e condizioni ambientali adeguate, tra cui una sedia sedile, uno sgabello e una postazione di lavoro adatti; prevedere la regolabilità (dell’altezza del piano di lavoro, della seduta, delle postazioni di lavoro ibride in piedi-da seduti, ecc.) è importante per un lavoro sicuro e confortevole
  • organizzare il lavoro per limitare la posizione in piedi, bilanciare i compiti da svolgere e prevedere possibilità di rotazione dei compiti, pause quando necessario, ecc.
  • introdurre misure supplementari per ridurre i rischi se non è possibile evitare le posizioni in piedi, ad esempio tappetini e solette imbottite;
  • incoraggiare la consultazione e il coinvolgimento attivo dei lavoratori – questo aspetto è importante per tutti gli aspetti della strategia
  • promuovere un comportamento salutare, ad esempio attraverso la formazione con programmi educativi sulla posizione in piedi prolungata e sulla cura della schiena e la relativa sensibilizzazione su questo tema. Questa misura risulta inefficace se non viene attuata insieme agli altri elementi sopra menzionati
  • attuare politiche e pratiche organizzative per garantire che ciò venga messo in pratica, ad esempio misure che consentano ai lavoratori di segnalare problemi legati al lavoro in piedi

MA QUINDI IN PIEDI, SEDUTI O IN MOVIMENTO?

È importante comprendere che l’opposto di stare in piedi non è stare seduti, ma muoversi.

Quindi, anche se spesso risulta utile disporre di un tavolo che consenta di alternare un lavoro da seduti e in piedi, questo non è sufficiente, perché si alternano sempre due posture statiche.

Per limitare i rischi per la salute derivanti dalle posture statiche, quindi, è raccomandabile stare in piedi quando è necessario, sedersi quando serve e muoversi quando è possibile.

Ciò sottolinea l’importanza non solo di sostituire il lavoro in piedi con il lavoro da seduti, ma di garantire una combinazione di posizione seduta, in piedi e di movimento sul posto di lavoro.

DOCUMENTI UTILI…

Vega Engineering rende disponibile gratuitamente nella propria banca dati la relazione dell’EU OSHA (Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro).

Scarica gratuitamente il documento ll mantenimento prolungato della postura in piedi statica al lavoro. Effetti sulla salute e buone pratiche.

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI (MMC)

Scopri i Corsi di Vega Formazione disponibili in E-Learning e Videoconferenza

Documenti correlati

Richiedi informazioni

Azienda

CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI AI SENSI DELL'ART. 13 DEL REGOLAMENTO UE 2016/679

I dati personali saranno trattati come indicato nella nostra informativa sulla privacy, predisposta ai sensi del Regolamento UE 2016/679

Vuoi essere informato sulle novità legislative e normative gratuitamente?

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni