fbpx Skip to content

Linee guida il rischio chimico nel settore edile. Se lo conosci… lo eviti…

L’INAIL ha pubblicato il documento “Il rischio chimico nel settore edile Se lo conosci… lo eviti…” che si pone l’obiettivo di approfondire la prevenzione dell’esposizione a RISCHIO CHIMICO nei cantieri edili.

Si pensi al comune impiego di solventi, adesivi, oli minerali, sostanze bituminose, quali sostanze/miscele utilizzate da decenni oppure di introduzione relativamente recente.

Nella maggior parte dei casi, tali prodotti chimici risultano pericolosi per la salute del lavoratore. Si consideri poi che l’esposizione a rischio chimico può manifestarsi non solo in presenza di agenti chimici pericolosi, ma anche a seguito di specifiche lavorazioni (es.: esposizione a polveri inorganiche durante le fasi di scavo, esposizioni a fumi di saldatura).

Inoltre, l’esposizione ad agenti chimici può comportare rischi anche per la sicurezza, in quanto possono verificarsi incendi, esplosioni, ustioni chimiche. Si tenga oltretutto presente che l’impiego e/o lo smaltimento non corretto di molti agenti chimici può risultare dannoso per l’ambiente. Oggi, i progressi della tecnica propongono soluzioni avanzate ed efficaci per la protezione dei lavoratori. Del resto, le adeguate attività di informazione, formazione ed addestramento dei soggetti coinvolti nella gestione del rischio permettono di acquisire maggiore consapevolezza e possono contribuire sicuramente a ridurre i rischi da esposizione.

Di seguito si riporta l’indice del documento:

  1. Conoscere il rischio chimico nel settore edile
  2. La nuova etichettatura dei prodotti e le schede di sicurezza
  3. Mansioni che espongono al rischio chimico in edilizia
  4. Cosa fare per evitare il rischio chimico
  5. Prodotti specifici: come lavorare in sicurezza
  6. Approfondimenti

Per ulteriori approfondimenti sui Rischi del Settore RISCHIO CHIMICO E CANCEROGENO, CLICCA QUI

Documenti correlati