fbpx Skip to content

INCENTIVI FOTOVOLTAICO: OBBLIGO DI RICICLO DEI PANNELLI DAL 1°LUGLIO 2012

Desideri ulteriori informazioni e aggiornamenti?

A partire dal 1° luglio tutte le aziende produttrici di moduli fotovoltaici devono garantirne anche la corretta gestione alla fine del loro utilizzo. Lo prevede esplicitamente il Quarto conto energia, entrato in vigore il 5 maggio del 2011 e tutt’ora valido, in attesa che subentri il Quinto.
Secondo l’articolo 11, comma 6 del decreto, gli impianti fotovoltaici che entreranno in esercizio dopo il 30 giugno di quest’anno prevedono un obbligo ben preciso per i soggetti responsabili, che dovranno necessariamente trasmettere al Gestore dei Servizi Energetici (GSE) il certificato che attesti l’adesione del produttore o importatore ad un sistema o consorzio che garantisca il riciclo dei moduli fotovoltaici a fine vita.
E’ però previsto un periodo transitorio di 6 mesi per adeguarsi pienamente ai requisiti previsti dalle regole con effetto retroattivo a partire dal 1° luglio.
In questo senso, lo scorso ottobre è stato siglato un accordo di programma per la creazione di una filiera italiana di raccolta, riciclo e smaltimento dei pannelli tra Cobat-Consorzio Nazionale Raccolta e Riciclo e il Comitato IFI-Industrie Fotovoltaiche Italiane che di fatto ha sancito la nascita della prima filiera tutta italiana per la corretta gestione del fine vita dei moduli fotovoltaici.

Quanto previsto dal Quarto Conto Energia, in materia di garanzie del fine vita dei moduli fotovoltaici, anticipa la revisione della Direttiva 2002/96/CE sui RAEE, che dovrebbe essere resa nota entro l’estate, e che prevede l’inclusione dei moduli fotovoltaici tra le apparecchiature elettriche ed elettroniche inserendoli in categoria 4.

Fonte: greenme.it

Documenti correlati

Richiedi informazioni

Azienda

CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI AI SENSI DELL'ART. 13 DEL REGOLAMENTO UE 2016/679

I dati personali saranno trattati come indicato nella nostra informativa sulla privacy, predisposta ai sensi del Regolamento UE 2016/679

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni