fbpx Skip to content

DRAMMATICO INCREMENTO DELLE MORTI BIANCHE IN ITALIA: + 11,7 PER CENTO DA GENNAIO AD AGOSTO 2015

Desideri ulteriori informazioni e aggiornamenti?

Continua a crescere, mese dopo mese, l’incremento della mortalità sui luoghi di lavoro in Italia. Così il numero delle Morti Bianche registrate nel Paese da Gennaio ad Agosto 2015 è arrivato all’11,7 per cento in più rispetto allo stesso periodo del 2014. Nei primi 8 mesi di quest’anno sono infatti decedute 546 persone in occasione di lavoro contro le 489 dello scorso anno. Un tragico bilancio che sale a 752 vittime contando anche i decessi avvenuti in itinere.

Questi i primi contenuti dell’inquietante scenario descritto nell’ultima indagine elaborata dall’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro Vega Engineering di Mestre sulla base di dati Inail. Un racconto di morti inarrestabili in seno ad un’emergenza che sembra sempre più irrisolta.
Una fotografia drammatica del nostro Paese – dichiara l’ingegner Mauro Rossato, Presidente dell’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro Vega Engineering di Mestre – che quest’anno, e quest’estate in particolare, si esprime con una devastazione maggiore. Perché l’incremento della mortalità continua inesorabilmente a crescere rispetto al 2014. A giugno, infatti, arrivava al 9,1, per cento, a luglio toccava il 9,5 per cento e ad agosto addirittura l’11,7 per cento“.

Per un maggiore approfondimento dei dati visita la pagina dell’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro o clicca sui seguenti link:

Statistiche Morti sul Lavoro Osservatorio Sicurezza Lavoro Vega Engineering 31-08-2015

Incidenze Morti sul Lavoro popolazione occupata Province Osservatorio Sicurezza Lavoro Vega Engineering

Documenti correlati

Richiedi informazioni

Azienda

CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI AI SENSI DELL'ART. 13 DEL REGOLAMENTO UE 2016/679

I dati personali saranno trattati come indicato nella nostra informativa sulla privacy, predisposta ai sensi del Regolamento UE 2016/679

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni