fbpx Skip to content

THYSSEN: ACCUSA DI OMICIDIO VOLONTARIO

Desideri ulteriori informazioni e aggiornamenti?

16 anni e mezzo di reclusione è la pena chiesta per l’amministratore delegato Herald Espenhahn dell’acciaieria Thyssenkrupp.

È quanto ha richiesto il pubblico ministero Raffaele Guarinello al termine della sua requisitoria nell’udienza del 14 dicembre 2010 in occasione del processo ThyssenKrupp di Torino: il reato ipotizzato, per la prima volta in un caso di incidente sul lavoro, è di omicidio volontario con dolo eventuale.
Nel terribile rogo nello stabilimento a Torino della multinazionale nella notte tra il 5 e il 6 dicembre 2007 morirono sette operai.

Il pm ha chiesto inoltre la condanna a 13 anni e mezzo per i quattro dirigenti (Marco Pucci, Gerald Priegnitz, Raffaele Salerno e Cosimo Cafueri). Questi risponderanno di omicidio colposo con colpa cosciente e omissione dolosa di cautele infortunistiche.

9 anni sono stati invece richiesti per un quinto dirigente (Daniele Moroni), l’unico che ha mostrato, secondo l’accusa, una condotta collaborativa.

Richiesta di procedimento anche nei confronti del consulente della difesa e autore del documento di valutazione dei rischi dell’azienda, a cui la procura di Torino intende contestare il reato di concorso in omicidio colposo con colpa cosciente, incendio colposo con colpa cosciente e omissione dolosa di cautele antinfortunistiche.

Infine, per la società Thyssenkrupp, chiamata a rispondere in qualità di persona giuridica per la responsabilità amministrativa al processo, il pubblico ministero ha proposto una sanzione pecuniaria di un milione e mezzo di euro, l’esclusione da agevolazioni e sussidi per un anno, la revoca di quelli già concessi, e il divieto di pubblicizzare i propri prodotti per un anno. Chiesta anche la pubblicazione dell’eventuale condanna sui maggiori giornali internazionali.

Il procuratore Guarinello, dal canto suo, ha affermato di aver chiesto “ciò che è giusto in scienza e coscienza” e che “si è cercato di fare il massimo”, sottolineando anche la tempestività con cui sono state chiuse le indagini (tre mesi).

Documenti correlati

Richiedi informazioni

Azienda

CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI AI SENSI DELL'ART. 13 DEL REGOLAMENTO UE 2016/679

I dati personali saranno trattati come indicato nella nostra informativa sulla privacy, predisposta ai sensi del Regolamento UE 2016/679

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni