fbpx Skip to content

PRIMO SOCCORSO LAVORI IN QUOTA: PUBBLICATO FACTSHEET INAIL

Desideri ulteriori informazioni e aggiornamenti?

Il Fact Sheet pubblicato dall’Inail, Dipartimento di medicina, epidemiologia, igiene del lavoro e ambientale, tratta il “Primo Soccorso nei Lavori in Quota“, o in altezza che riguarda le attività lavorative che portano il lavoratore a operare a più di due metri di altezza rispetto al piano stabile (art. 107, D.Lgs. 81/2008).

Il Lavoro in Quota espone il lavoratore a importanti rischi per la salute e la sicurezza, pertanto i lavoratori addetti all’esecuzione dei lavori in quota devono frequentare specifici corsi di formazione ed essere addestrati all’uso dei DPI antincaduta.

Il Fact Sheet Inail fornisce delle indicazioni per soccorrere il lavoratore, in modo efficace in caso di incidenti o infortuni, evitando o riducendo i danni permanenti o la morte, in particolare tratta i casi di:
– sindrome da imbraco (o sospensione inerte del corpo);
– intervento in caso di trauma;
– intervento in caso di sospensione.

Il Fact SheetIl Primo Soccorso nei Lavori in Quota” pone importanti riflessioni sulla necessità di un intervento tempestivo sull’infortunato, da parte di personale con formazione idonea degli addetti al primo soccorso (D.M. salute 388/2003), cui il soccorritore deve valutare, in pochi secondi: accessibilità e sicurezza della scienza; dinamica dell’evento, se necessario l’intervento di altre persone; la posizione dell’infortunato; chiamare i soccorsi (112).

Una volta recuperato l’infortunato, in attesa dei soccorsi avanzati, gli addetti al primo soccorso possono applicare la sequenza ABCDE (proposta nel Fact Sheet INAIL), verificando se il paziente presenta segni vitali (coscienza, respiro) in caso contrario va immediatamente iniziata la rianimazione cardiopolmonare (RCP), con l’uso del defibrillatore Semiautomatico Esterno (DAE) se disponibile.

Infatti il Defibrillatore Semiautomatico Esterno (DAE) è un dispositivo medico in grado di effettuare la defibrillazione delle pareti muscolari del cuore in sicurezza, dotato di sensori per il riconoscimento dell’arresto cardiaco dovuto ad aritmie, fibrillazione ventricolare e tachicardia ventricolare.

L’affidabilità del DAE nel riconoscere in modo automatico la tipologia dell’aritmia, ne consente l’utilizzo da parte di personale non sanitario, che abbia svolto una certificata formazione specifica nelle attività di rianimazione cardio-polmonare denominata “Basic Life Support and Defibrillation – RCP base (BLS-D)“.

Vega Formazione, ente accreditato dalla Regione Veneto, organizza corsi di formazione BLS-D per l’uso del DAE oltre che i corsi di aggiornamento (re-training) periodico per l’utilizzo del DAE: per scoprire di più clicca qui.

Per ulteriori approfondimenti rimandiamo alla pagina della Linea Guida FACT SHEET PRIMO SOCCORSO NEI LAVORI IN QUOTA

Documenti correlati

Richiedi informazioni

Azienda

CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI AI SENSI DELL'ART. 13 DEL REGOLAMENTO UE 2016/679

I dati personali saranno trattati come indicato nella nostra informativa sulla privacy, predisposta ai sensi del Regolamento UE 2016/679

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni