fbpx Skip to content

IN ARRIVO UNA PROROGA PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI

Desideri ulteriori informazioni e aggiornamenti?

Proroga in arrivo per quanto riguarda l’obbligo di effettuare la valutazione dei rischi nei luoghi di lavoro e le relative disposizioni sanzionatorie: con un emendamento al disegno di legge di conversione del decreto legge 3 giugno 2008, n. 97, recante disposizioni urgenti in materia fiscale, la Commissione Finanze del Senato ha approvato la modifica dell’articolo 306, comma 2, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, sostituendo “decorsi novanta giorni dalla pubblicazione del presente decreto nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana” con “a decorrere dal 1º gennaio 2009”.
Non si tratta quindi di una proroga immediatamente in vigore: il disegno di legge di conversione deve ora passare l’esame dell’aula del Senato (prevista per i prossimi 8 e 9 luglio) ed essere successivamente approvato dalla Camera entro il 2 agosto.
Ma la proroga dell’obbligo della valutazione dei rischi non è l’unica novità prevista dal disegno di legge per quanto riguarda il documento di valutazione dei rischi: tra gli ordini del giorno della discussione in aula è previsto anche un invito al Governo a “valutare l’opportunità di sostituire, all’interno del comma 2 dell’articolo 28 del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, la locuzione «avere data certa» con la voce «essere datato», in modo da non attenuare il rigore degli obblighi a carico del datore di lavoro, ma garantendo al contempo un’indubbia semplificazione gestionale e operativa per lo stesso.”
Infine, un’altra proroga, l’ennesima di questi ultimi anni, è giunta per quanto riguarda il termine per completare l’adeguamento alla normativa di prevenzione dagli incendi da parte di strutture ricettive turistico-alberghiere con oltre 25 posti letto, termine che è stato spostato al 30 giugno 2009.
Su proposta del Presidente del Consiglio, è stato infatti approvato dal consiglio dei Ministri del 27 giugno, un decreto-legge che dispone la proroga di alcuni termini, tra cui appunto quello che riguarda le strutture ricettive turistico-alberghiere.

Documenti correlati

Richiedi informazioni

Azienda

CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI AI SENSI DELL'ART. 13 DEL REGOLAMENTO UE 2016/679

I dati personali saranno trattati come indicato nella nostra informativa sulla privacy, predisposta ai sensi del Regolamento UE 2016/679

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni