fbpx Skip to content

ANDAMENTO INFORTUNI MORTALI: I DATI AGGIORNATI A NOVEMBRE 2011 DELL’OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING

Desideri ulteriori informazioni e aggiornamenti?

L’Osservatorio sicurezza sul lavoro di Vega Engineering registra ed analizza i casi di morte sul lavoro avvenuti nell’anno in corso in Italia.

Le analisi statistiche sugli infortuni mortali sono elaborate considerando anche le cause dell’infortunio: uno strumento utile per l’identificazione e la valutazione del rischio nei luoghi di lavoro, nonché per identificare le adeguate misure di sicurezza da attuare.
Dall’analisi statistica sono esclusi gli infortuni mortali in itinere e gli infortuni connessi alla circolazione stradale.

Le analisi statistiche aggiornate sono disponibili sul nostro sito nella sezione Osservatorio sulla sicurezza sul lavoro.

Commento ai dati aggiornati a Novembre 2011
Nel periodo da Gennaio a Novembre 2011 sono stati registrati 514 casi di infortuni mortali sul lavoro.

– Dai valori degli indici di incidenza, relativi ai casi di morte per regione rispetto a un milione di occupati, si nota che le regioni con indice più elevato sono Valle d’Aosta (con indice di incidenza maggiore pari a 70,9), Abruzzo, Umbria e Trentino Alto Adige.
L’indice di incidenza medio, ovvero il numero di infortuni mortali ogni milione di occupati considerando la media di tutte le regioni, risulta pari a 28,9.

Lombardia, Emilia Romagna, Piemonte e Veneto sono le regioni più colpite da infortuni mortali sul lavoro sul totale dei casi: la Lombardia registra 67 casi e un’incidenza del 13%; a seguire, con una notevole differenza, l’Emilia Romagna registra 46 casi, mentre il Piemonte 45 e il Veneto 41.

– Il Centro registra la maggior casistica di infortuni mortali: 176 casi con un’incidenza del 34,2%. A seguire il Nord-ovest con 131 casi, il Sud con 86, Nord-est 71 e le Isole 50. Mentre, considerando l’incidenza sul numero di infortuni mortali ogni milione di occupati, le Isole occupano il primo posto con un indice pari a 24,3.

– La principale causa di morte è per caduta di persona dall’alto con 123 casi (23,9% di incidenza sul totale), seguita da ribaltamento di veicolo/mezzo in movimento con 112 casi (21,8%) e da caduta dall’alto di gravi/schiacciamento con 96 casi (18,7%).

– I settori più colpiti sono agricoltura, caccia, pesca, silvicoltura con il 38,7% e 199 casi, e il settore delle costruzioni con il 23% e 118 casi.

– I casi di morte di lavoratrici risulta pari a 16 (4 casi nel mese di novembre) e con un’incidenza dell’3,1% sul totale. I casi di morte di lavoratori stranieri sono 64 con un’incidenza pari a 12,5%.

– Le fasce di età più colpite sono dai 40 ai 49 anni con il 21,9% dei casi sul totale e dai 50 ai 59 con il 21,3%. A seguire la fascia d’età dai 30 ai 39 (16,6%).

– La maggior parte di lavoratori stranieri coinvolti in infortuni mortali provengono da Romania (29 casi) e Albania (7 casi).

– I giorni della settimana in cui avvengono più infortuni sono lunedì (17,7% sul totale dei casi) e mercoledì (17,5%).

– Le Province con il maggior numero di casi di infortuni mortali sono Brescia (16(, Torino (15), a seguire Frosinone, Bolzano, Bologna, Napoli, Roma, Milano (12).
Dai valori degli indici di incidenza, relativi ai casi di morte per provincia rispetto a un milione di occupati, si nota che le Province con indice più elevato sono L’Aquila (con indice di incidenza maggiore pari a 89,8), Belluno, Savona, Nuoro.

Documentazione disponibile:

Analisi statistiche casi di morte sul lavoro aggiornate mensilmente

Graduatoria delle Province Italiane in base all’indice di incidenza

Documenti correlati

Richiedi informazioni

Azienda

CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI AI SENSI DELL'ART. 13 DEL REGOLAMENTO UE 2016/679

I dati personali saranno trattati come indicato nella nostra informativa sulla privacy, predisposta ai sensi del Regolamento UE 2016/679

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni