fbpx Skip to content

AMBIENTI CONFINATI: D.P.R. 14/09/2011 REGOLAMENTO PER LA QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE OPERANTI IN AMBIENTI INQUINATI O CONFINATI

Desideri ulteriori informazioni e aggiornamenti?

Si chiama DPR 14/09/2011 l’atteso decreto, approvato il 3/8/2011 dal Consiglio dei Ministri, che regolamenta la sicurezza nei lavori in “ambienti confinati” o sospetti di inquinamento, ed è rubricato “Regolamento recante norme per la qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi operanti in ambienti sospetti di inquinamento o confinanti, a norma dell’articolo 6, comma 8, lettera g), del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81”.
Il Decreto sulla sicurezza negli spazi confinati, firmato dal Presidente della Repubblica, è in attesa di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale: alleghiamo alla presente un’anticipazione del DPR 14/09/2011 non avente ancora carattere ufficiale.

Il DPR 14/09/2011, con la già pubblicata GUIDA OPERATIVA “Rischi specifici nell’accesso a silos, vasche e fosse biologiche, collettori fognari, depuratori e serbatoi utilizzati per lo stoccaggio e il trasporto di sostanze pericolose” dell’ex-INAIL, nasce con il chiaro intento di arginare le purtroppo numerose morti sul lavoro causate dagli “ambienti confinati”, luoghi in cui si manifestano rischi rilevanti, quali i lavori in spazi angusti e di difficile accessibilità, il rischio chimico causato da possibili inquinanti, il rischio elettrico connesso con i così detti “luoghi conduttori ristretti”.

CONTENUTI DEL D.P.R. 14/09/2011 SUGLI AMBIENTI CONFINATI O SOSPETTI DI INQUINAMENTO
Le principali misure previste dal provvedimento sono le seguenti:
– obbligo per le imprese e per i lavoratori autonomi, in aggiunta agli obblighi già previsti dal D.Lgs. 81/08, di effettuare specifica informazione, formazione e addestramento – con verifica di apprendimento e di aggiornamento periodico – relativamente ai rischi propri degli “ambienti confinati”, nonché alle specifiche procedure di sicurezza e di emergenza da mettere in atto (la formazione dovrà essere estesa anche al datore di lavoro);
– obbligo per le imprese di dotarsi di idonei D.P.I. e attrezzature di sicurezza (rivelatori di gas);
– obbligo per le imprese che eseguono lavori in ambienti confinati di disporre di “personale esperto” in numero non inferiore al 30% (si intende “persona esperta” un lavoratore con almeno tre anni di esperienza nei lavori in “ambienti confinati”;
– obbligo per il committente di informare, prima dell’accesso nello spazio confinato, tutti i lavoratori impegnati in merito a tutti i rischi presenti nell’area di lavoro.

Naturalmente tutte le prescrizioni riguardano anche eventuali subappalti per l’esecuzione di lavori in ambienti confinati.

Per approfondire il nuovo regolamento di qualificazione e le numerose problematiche connesse con i lavori in spazi confinati, Vega Formazione, in collaborazione con l’Osservatorio sulla Sicurezza di Vega Engineering, organizza un seminario tecnico “La sicurezza in ambienti confinati” valido per aggiornamento RSPP, ASPP e Coordinatori per la Sicurezza, il giorno 22/11/2011, presso Istituto Cardinal Urbani, Via Visinoni n.4, Mestre (VE).
Il seminario vedrà la partecipazione come relatore del vice comandante dei Vigili del Fuoco di Venezia che illustrerà l’esperienza dei VVF nell’esecuzione di attività in ambienti confinati.

Documenti correlati

Richiedi informazioni

Azienda

CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI AI SENSI DELL'ART. 13 DEL REGOLAMENTO UE 2016/679

I dati personali saranno trattati come indicato nella nostra informativa sulla privacy, predisposta ai sensi del Regolamento UE 2016/679

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni