Linee Guida - Sicurezza sul Lavoro ╗ LINEA GUIDA REGIONE EMILIA ROMAGNA: SICUREZZA IN SPAZI CONFINATI

Il comitato regionale di coordinamento Regione Emilia Romagna ha elaborato una linea guida in merito agli ambienti confinati.

DEFINIZIONE AMBIENTE CONFINATO

La linea guida predisposta dal Comitato Regionale di Coordinamento Regione Emilia Romagna relativa alla sicurezza negli ambienti confinati riportata innanzitutto una definizione di “ambiente confinato”, ossia: “Uno spazio circoscritto, caratterizzato da accessi e uscite difficoltosi o limitati, da una ventilazione naturale sfavorevole, nel quale, in presenza di agenti pericolosi (ad. es. gas, vapori, polveri, atmosfere esplosive, agenti biologici, ecc) o in carenza di ossigeno o per difficoltà di evacuazione o di comunicazione con l’esterno, può verificarsi un infortunio grave o mortale”.

E’ noto che il DPR 177/11 indica come spazi confinati e ambienti con sospetto inquinamento quelli richiamati dagli artt. 63, 66 (punto 3 dell’All. IV) e dall’art. 121 (cantieri temporanei o mobili) del D.Lgs 81/08 ovvero pozzi, pozzi neri, fogne, camini, fosse in genere, gallerie, condutture, caldaie e simili, vasche canalizzazioni, serbatoi e simili, tubazioni, recipienti, silos, cunicoli, ma in effetti uno spazio confinato o ambiente con sospetto inquinamento può presentarsi anche in altre “forme”.

NORME TECNICHE PER LA DEFINIZIONE DI MISURE ANTROPOMETRICHE DEL CORPO UMANO

La linea guida sulla sicurezza negli ambienti confinati richiama anche alcune norme tecniche che si occupano di definire le misure antropometriche medie del corpo umano, utili per stabilire le dimensioni dei varchi di accesso.

- UNI EN 547-1:1998: Misure del corpo umano – Principi per la determinazione delle dimensioni richieste per le aperture per l’accesso di tutto il corpo nel macchinario”,
- UNI EN 547-2:1998: Misure del corpo umano – Principi per la determinazione delle dimensioni richieste per le aperture per l’accesso
- UNI EN 547-3:1998: Misure del corpo umano – Dati antropometrici”,
- UNI ISO EN 7250:2000: Misurazioni di base del corpo umano per la progettazione tecnologica”,
- UNI ISO EN 15537:2005: “Principi per la selezione e l’utilizzo di soggetti di prova per la verifica degli aspetti antropometrici dei prodotti industriali e della loro progettazione”,
- UNI ISO EN 15535:2007: Requisiti generali per la creazione di banche di dati antropometrici”.

Le misure in esse riportate, pur non essendo riferite specificatamente agli ambienti confinati, sono utili riferimenti per le dimensioni medie del corpo umano da utilizzare per valutare la reale condizione degli accessi presenti nei luoghi di lavoro, compresi i luoghi confinati.

VALUTAZIONE DEI RISCHI

Nella linea guida Comitato Regionale di Coordinamento Regione Emilia Romagna relativa alla sicurezza negli ambienti confinati viene inoltre dedicata una parte relativa alla valutazione dei rischi, indispensabile per identificare i rischi presenti e definire le conseguenti misure di prevenzione da mettere in atto.

Ai sensi dell’art. 15 del D. Lgs 81/08, è necessario prima di tutto che si operi affinché sia garantita l’eliminazione dei rischi alla fonte, tenendo conto del progresso tecnico.

Di conseguenza, attraverso la valutazione dei rischi (artt. 17, 28 e 223 del D.Lgs 81/08) si dovranno identificare tutte quelle misure che evitino di effettuare direttamente le attività all’interno degli spazi confinati.

Quando non risulta possibile evitare tali lavorazioni, è necessario identificare prioritariamente le misure di prevenzione generale e collettiva necessarie a garantire l’esecuzione del lavoro in condizioni di sicurezza e il sicuro soccorso.

INDICE DELLA LINEA GUIDA

L’indice della linea guida elaborato dal comitato regionale di coordinamento Regione Emilia Romagna, viene di seguito riportato:

Capitolo 1 - INTRODUZIONE

Capitolo 2 - RICERCA DI UNA DEFINIZIONE DI AMBIENTE CONFINATO

Capitolo 3 - I PROBLEMI E LE SOLUZIONI

Capitolo 4 - CONDIZIONI PRELIMINARI PER AFFRONTARE I RISCHI IN AMBIENTI CONFINATI

Capitolo 5 - FASI DI LAVORO

Capitolo 6 - DPI VIE RESPIRATORIE

Capitolo 7 - SORVEGLIANZA SANITARIA, EMERGENZE E PRONTO SOCCORSO

Bibliografia

Allegati

Riportiamo in allegato la linea guida Ambienti confinati –indicazioni operative“ elaborato dal comitato regionale di coordinamento Regione Emilia Romagna.

SCARICA GRATIS QUESTO DOCUMENTO

Osservatorio SICUREZZA INFORTUNI di Vega Engineering