fbpx Skip to content

I RISCHI BIOLOGICI EMERGENTI…ANCHE NEGLI UFFICI

Desideri ulteriori informazioni e aggiornamenti?

I rischi biologici emergenti sono oggetto di una scheda informativa, curata dall’Agenzia Europea per la salute e la sicurezza sul lavoro, che sintetizza le previsioni di un gruppo di esperti sul tema.
L’indagine ha coinvolto 36 esperti provenienti da 20 Stati membri e dalla Svizzera, che hanno preso in considerazione i rischi “emergenti”, cioè rischi professionali nuovi e in aumento.
L’indagine ha messo in particolare in luce, tra i rischi biologici emergenti, i rischi correlati alle epidemie globali e alla presenza sul posto di lavoro di organismi resistenti ai farmaci.
Tali aspetti evidenziano, secondo gli esperti, l’importanza di considerare i rischi biologici globalmente e attraverso la collaborazione di più discipline, quali la sicurezza e la salute sul lavoro, la salute pubblica, la salute animale, la protezione dell’ambiente e la sicurezza alimentare.
Un ulteriore aspetto individuato nell’indagine è la valutazione del rischio inadeguata, in quanto le conoscenze e le informazioni sui pericoli biologici continuano a essere relativamente scarse. È emerso inoltre il problema della scarsità di informazioni trasmesse ai lavoratori, per esempio l’erogazione insufficiente di formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro.
A preoccupare è anche la qualità dell’aria negli ambienti chiusi, come gli uffici.
“Le muffe trasportate dall’aria, per esempio, sono ubiquitarie negli ambienti chiusi. – precisa la scheda – L’esposizione alle muffe può determinare asma, malattie delle alte vie respiratorie, cefalea, sintomi simil-influenzali, infezioni, allergie e irritazione di naso, gola, occhi e cute, nonché contribuire alla cosiddetta sindrome dell’edificio malato.
Le muffe trasportate dall’aria si trovano anche negli impianti di trattamento dei rifiuti e delle acque reflue, nei cotonifici e nel settore agricolo.
Anche una cattiva manutenzione della rete idrica e degli impianti di condizionamento dell’aria provoca la proliferazione e la diffusione degli agenti biologici negli ambienti chiusi. Ne consegue un rischio per i lavoratori di sviluppare la legionellosi. Alcuni sintomi accusati dai lavoratori che operano in ambienti chiusi, erroneamente attribuiti a malattie simil-influenzali, sono in realtà provocati da agenti biologici sviluppati in impianti di condizionamento non adeguatamente manutenuti.”

Documenti correlati

Richiedi informazioni

Azienda

CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI AI SENSI DELL'ART. 13 DEL REGOLAMENTO UE 2016/679

I dati personali saranno trattati come indicato nella nostra informativa sulla privacy, predisposta ai sensi del Regolamento UE 2016/679

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni