fbpx Skip to content

CASSAZIONE PENALE: INFORTUNIO CON MACCHINARIO “CE” MANOMESSO

Desideri ulteriori informazioni e aggiornamenti?

La Sezione Quarta della Corte di Cassazione Penale, con sentenza n. 51782 del 12 dicembre 2014, ribadisce la colpevolezza del datore di lavoro in caso di infortunio grave occorso ad un suo dipendente qualora non individui ed elimini un rischio derivante dall’utilizzo di un macchinario.

In particolare il fatto in questione è stato ricostruito dai giudici come segue: “un addetto all’impianto saldatore, utilizzato per creare reti di acciaio elettrosaldato, con l’incarico di vigilare affinché il rotolo di rete si avvolgesse in maniera regolare, avendo notato che il rullo non si avvolgeva a dovere, aveva tentato di raddrizzarlo dando dei colpi di assestamento mentre il rullo era ancora in moto, rimanendo impigliato all’interno del rullo con tutto il corpo”.

La Corte, sulla base del corpo argomentativo delle sentenza di primo e secondo grado, ha accertato che il macchinario in oggetto, impianto saldatore, fosse stato consegnato al datore di lavoro provvisto di dispositivi di sicurezza (cellule fotoelettriche) in grado di evitare l’incidente, e ha ritenuto che il presidio sia stato rimosso per consentire una lavorazione più spedita da parte degli operatori.
Il datore di lavoro avrebbe dovuto rendersi conto del rischio, facilmente percepibile, ed eliminarlo. Inoltre avrebbe dovuto mettere a disposizione del lavoratore ogni informazione ed ogni istruzione d’uso necessaria in rapporto alla sicurezza, e fornire una formazione adeguata all’uso della macchina. Inoltre nel testo della sentenza la Corte precisa che anche nel caso in cui il macchinario sia fornito senza sufficienti dispositivi di sicurezza per garantire la sicurezza dei lavoratori, nonostante sia marcato CE, il datore di lavoro ha l’obbligo di individuare tale carenza e di disporre misure atte ad eliminare i rischi per la salute e la sicurezza.

In allegato la sentenza n. 51781 della Cassazione Penale, sezione IV:

Documenti correlati

Richiedi informazioni

Azienda

CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI AI SENSI DELL'ART. 13 DEL REGOLAMENTO UE 2016/679

I dati personali saranno trattati come indicato nella nostra informativa sulla privacy, predisposta ai sensi del Regolamento UE 2016/679

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni