COMUNICATI STAMPA »

MORTI SUL LAVORO PRIMI OTTO MESI DEL 2019: COMPLESSIVAMENTE DIMINUISCONO DEL 4%

Comunicato pubblicato il 30-09-2019

MORTI SUL LAVORO PRIMI OTTO MESI DEL 2019. FINALMENTE COMPLESSIVAMENTE DIMINUISCONO: - 4%. MA LA FLESSIONE RIGUARDA SOPRATTUTTO GLI INFORTUNI MORTALI IN ITINERE (-11%) PERCHÉ QUELLI REGISTRATI IN OCCASIONE DI LAVORO RIMANGONO INVECE PRESSOCHÈ INVARIATI (-1%). NEI PRIMI OTTO MESI DEL 2019 LE VITTIME TOTALI SONO 685 CONTRO LE 713 DELLO SCORSO ANNO (-4%).

SONO  493 I DECESSI RILEVATI IN OCCASIONE DI LAVORO E 192 QUELLI IN ITINERE.

IL MAGGIOR NUMERO DI VITTIME IN OCCASIONE DI LAVORO VIENE REGISTRATO IN LOMBARDIA (73), LAZIO (52), EMILIA ROMAGNA (46), PIEMONTE (43), CAMPANIA (41), SICILIA E VENETO (35).  LA PROVINCIA IN CUI SI MUORE DI PIU’ E’ ROMA (37 DECESSI). ED E’ SEGUITA DA: NAPOLI (18), MILANO E BRESCIA (17), TORINO (15), FOGGIA (14), VICENZA (12), PALERMO (11).

Il decremento complessivo delle morti bianche registrato nei primi otto mesi del 2019 (pari al 4%) non può che essere accolto positivamente. Il punto è che a diminuire sono essenzialmente gli infortuni mortali avvenuti in itinere (-11%), mentre restano purtroppo pressoché invariati gli infortuni mortali verificatisi in occasione di lavoro (-1%)”.

Così Mauro Rossato, Presidente dell’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro Vega Engineering di Mestre, commenta l’ultima indagine elaborata dal suo team di esperti sulla base dei dati Inail.

Infatti, se complessivamente le vittime sul lavoro del nostro Paese da gennaio ad agosto sono diminuite, passando dalle 713 del 2018 alle 685 del 2019, il numero delle vittime registrate in occasione di lavoro rimane stabile: passando dalle 498 del 2018 alle 493 del 2019.

Ciò significa che l’emergenza morti sul lavoro rimane - sottolinea ancora Rossato - e sono ancora i numeri a darne una triste conferma”.

Intanto, a dare un segnale di flessione piuttosto significativa sono gli infortuni mortali avvenuti in itinere che, dai 215 rilevati nei primi otto mesi del 2018, sono passati a 192.

Le donne che hanno perso la vita nel 2019 sono 58: 28 quelle decedute in occasione di lavoro e 30 in itinere.

Il maggior numero di infortuni mortali in occasione di lavoro in Italia viene registrato in Lombardia (73), Lazio (52), Emilia Romagna (46), Piemonte (43), Campania (41), Sicilia e Veneto (35).  Seguono: Puglia (31), Toscana (25), Trentino Alto Adige (16), Abruzzo e Marche (15), Calabria (12), Basilicata (11), Friuli Venezia Giulia e Liguria (10), Umbria (9), Sardegna (8), Molise (6).

La provincia in cui si conta il maggior numero di infortuni mortali in occasione di lavoro è Roma (37 decessi). Ed è seguita da: Napoli (18), Milano e Brescia (17), Torino (15), Foggia (14), Vicenza (12), Palermo (11).

A mietere più vittime in occasione di lavoro sono: il settore delle Attività Manifatturiere (73) e quello delle Costruzioni (con 63 decessi). Seguono: Trasporto e Magazzinaggio (56) mentre nel Commercio, riparazione di autoveicoli e motocicli i morti sono 29. 

La fascia d’età più colpita dagli infortuni mortali sul lavoro totali è tra i 45 e i 64 anni (317 su 493 vittime).

E sono tanti, troppi, anche gli stranieri deceduti in occasione di lavoro sono 87.

Di seguito alleghiamo le statistiche complete:

Statistiche Morti sul Lavoro Osservatorio Sicurezza Lavoro Vega Engineering 31.08.2019 (fonte dati: INAIL)

Incidenze Morti sul Lavoro popolazione occupata Province Osservatorio Sicurezza Lavoro Vega Engineering 31.08.2019 (fonte dati INAIL)

Al fine di promuovere e diffondere la Cultura della Sicurezza sul Lavoro, ci auguriamo che il comunicato non solo sia un utile strumento di lavoro per Voi ma anche una fonte di riflessione e di analisi di fronte alla grave situazione che colpisce la nostra Penisola.

Osservatorio Sicurezza sul Lavoro Vega Engineering

Osservatorio SICUREZZA INFORTUNI di Vega Engineering