COMUNICATI STAMPA »

GENNAIO 2021: COVID-19 E MORTI SUL LAVORO IN VENETO

Comunicato pubblicato il 26-02-2021

MORTI SUL LAVORO IN VENETO A GENNAIO: + 67%. QUASI LA METÀ I DECESSI DOVUTI AL COVID.

2 LAVORATORI SU 5 NEL PRIMO MESE DEL 2021 SONO MORTI A CAUSA DEL CONTAGIO.

ANCORA VERONA IN CIMA ALLA CLASSIFICA PER NUMERO DI VITTIME CON 2 DECESSI, SEGUONO VENEZIA, PADOVA E TREVISO CON 1 DECESSO.

IL VENETO È AL SECONDO POSTO IN ITALIA PER NUMERO DI VITTIME SUL LAVORO.

“Crescono del 67% le morti sul lavoro in Veneto e quasi la metà sono dovute al contagio da Covid. Rispetto a gennaio 2020 quando i decessi erano 3 (di cui uno in itinere), nel gennaio 2021 sono diventati 5, tutti registrati in occasione di lavoro. Ed il Veneto, purtroppo, è secondo in Italia per numero di morti bianche”.

Questa l’istantanea del primo mese dell’anno scattata dall’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro Vega Engineering di Mestre, e descritta nelle parole del suo Presidente, l’ingegner Mauro Rossato.

“Un incipit sconfortante - sottolinea Mauro Rossato – Perché, al di là della drammaticità dei numeri che narrano la tragedia delle vite spezzate dei lavoratori e delle loro famiglie, sono le variazioni rispetto all’anno precedente a preoccupare. Perché raddoppiare la mortalità nel primo mese dell’anno non è certo un buon inizio. E il secondo posto del Veneto, nella graduatoria nazionale per numero di infortuni mortali, ne è una triste conferma”.

Intanto, nella classifica regionale delle morti sul lavoro il dato peggiore arriva ancora una volta da Verona con 2 infortuni mortali; seguono Venezia, Treviso e Padova (1).

Il numero di denunce per infortunio in Veneto nel mese di gennaio 2021 è 4.484, in diminuzione del 16%. 893 sono le denunce di infortunio per Covid.

Ricordiamo poi che il Veneto da gennaio 2020 a gennaio 2021 risulta essere la terza regione in Italia per numero di denunce di infortunio legate al Covid-19. Al primo posto la Lombardia al secondo posto il Piemonte.

 

Osservatorio SICUREZZA INFORTUNI di Vega Engineering